Ritardo aereo

Pubblicato da Rimborso Aereo il

Risarcimento e rimborso ritardo aereo

Rimborso per ritardo del volo aereo

Sebbene si possono ottenere fino a 600 euro a testa per ritardi maggiori alle tre ore, cancellazioni e problemi di overbooking, è incredibile che solo il 7% dei passeggeri indennizzabili rivendica i propri diritti.

Il ritardo aereo è, senza dubbio, insieme alla cancellazione del volo, uno dei disagi più diffusi tra i viaggiatori. La Corte di Giustizia Europea, ai fini del rimborso del risarcimento riconosciuto al passeggero, ha equiparato il ritardo aereo pari o superiore alle tre ore ai casi di cancellazione del volo o di negato imbarco.

Ecco cosa prevede l’Europa:

 

 

A ben vedere, superando già le due ore di ritardo la Carta dei Diritti del passeggero prevede il diritto del passeggero a ricevere assistenza e nello specifico:

  • pasti e bevande in funziona della durata dell’attesa;
  • sistemazione in albergo, nel caso in cui siano necessari uno o più pernottamenti;
  • trasferimento dall’aeroporto all’albergo e viceversa;
  • due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o e-mail;
  • rimborso del biglietto e volo di ritorno al luogo iniziale di partenza se il ritardo supera le cinque ore e il passeggero decide di non continuare il viaggio.

Questo genere d’assistenza viene riconosciuto in caso di ritardi di:

  • due o più ore per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1500 km;
  • di tre o più ore per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1500 e 3500 km;
  • di quattro o più ore per le tratte più lunghe di 3.500 km al di fuori dell’Unione europea.

Quanto spetta ai passeggeri di rimborso per ritardo volo?

In caso di danno da ritardo aereo, la compagnia è obbligata a corrispondere al passeggero un indennizzo monetario in misura stabilita in base alla lunghezza della tratta aerea che corrisponde a:

  • 250,00 € per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;
  • 400,00 € per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri;
  • 600,00€ per le tratte aeree che non rientrano nei primi due punti sopra elencati.

Se i tuoi diritti non ti sono stati riconosciuti, se non riesci ad ottenere tutela oppure se hai semplicemente bisogno di una consulenza gratuita, rivolgiti a dei professionisti che difendono i passeggeri.

Grazie alla collaborazione con un Associazione Nazionale dei Consumatori possiamo farti riavere quel denaro che ti spetta per legge in tempi rapidi e gratuitamente, compila il form oppure commenta qui sotto.

Un caro saluto ed un invito al prossimo articolo. 🙂

Vota questo contenuto
[Totale: 1 Average: 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi