Vacanze rovinate: come ottenere il rimborso

Pubblicato da Rimborso Aereo il

vacanze rovinate

Le ferie rappresentano il designato momento del riposo, e l’ultima cosa che di certo ci aspettiamo è quella di vedere le nostre vacanze rovinate. Ogni anno, infatti, aspettiamo questo magico momento nel quale possiamo godere di un po’ di svago, divertirci e rilassarci.

E’ il momento preferito da tutti, dove – lontani dai pensieri lavorativi – vorremmo ricaricare le pile e non certo accumulare delusioni e arrabbiature, buttando per di più il nostro denaro inutilmente.

 

Cosa dice l’art. 34 del Codice del Turismo

Fortunatamente le norme del Codice del Turismo prevedono un risarcimento nel caso in cui il passeggero subisca un danno da vacanze rovinate.

L’art. 47 del Codice del Turismo (d.lgs 79/2011) definisce testualmente il danno da vacanze rovinate: “un risarcimento del danno correlato al tempo di vacanza inutilmente trascorso ed all’irripetibilità dell’occasione perduta”,

Dunque, oltre al danno patrimoniale, ossia ai soldi che abbiamo speso, si aggiunge il disagio di non essere riusciti a godere del riposo tanto desiderato.

Il legislatore è stato chiaro, quindi, circa la piena tutela del turista. Difatti, oltre al danno patrimoniale ha previsto che egli abbia diritto anche al risarcimento specifico per vacanze rovinate. Questo, come meglio specificato più avanti, riguarda i casi previsti della legge.

Il danno da vacanze rovinate si distingue dal vero e proprio danno patrimoniale (i soldi spesi per il viaggio) in quanto – a differenza dello smarrimento del bagaglio o da un ritardo del volo aereo – consiste nella perdita di un’occasione di relax.

Prima del d.lgs. 79/2011, non vi era una norma apposita che definiva esattamente la risarcibilità dovuta ad un danno da vacanze rovinate, in quanto quest’ultima veniva riconosciuta solo nel momento in cui vi fosse stata una lesione di un bene costituzionalmente protetto, come ad esempio, il diritto alla salute, art. 32 Cost.

 Solo con il Codice del Turismo, successivamente, venne stabilita la piena tutela del turista. 

 

Quando vi è un danno da vacanze rovinate

Perché si possa parlare di danno da vacanze rovinate, il Codice del Turismo prevede che:

  • “vi sia un’inadempimento contrattuale o una inesatta esecuzione delle prestazioni che riguardano il pacchetto turistico acquistato;
  • l’inadempimento sia rilevante;
  • il turista dimostri, attraverso prove in suo possesso, che il suo disagio psico-fisico derivi dall’inadempimento contrattuale da parte del tour operator, dall’agenzia di viaggio che gli ha venduto il pacchetto turistico o dalla struttura alberghiera in cui ha alloggiato”.

Il risarcimento da vacanze rovinate è dunque una richiesta che il turista fa all’organizzatore del viaggio, nel momento in cui i disagi, avuti durante la propria vacanza, abbiamo provocato uno stato psico-fisico di malessere non indifferente.

Vengono considerati pacchetti turistici quelli che hanno una durata superiore alle 24 ore o quelli con un periodo di tempo indefinito comprendente almeno una notte.

Sono considerati pacchetti anche le crociere turistiche e i “pacchetti dinamici”, cioè creati direttamente dal consumatore e le gite di un giorno, basta che presentino i due elementi sopra citati (come ad esempio: volo+albergo, hotel+auto, ecc).

Infine, è bene chiarire che per ottenere un risarcimento danno da vacanze rovinate occorre avviare un’azione di tutela che, spesso, sfocia in un’azione giudiziale.

Il nostro attuale impianto normativo, infatti, riconosce solo al Giudice la prerogativa di accertare e quantificare il danno subito. Altre volte, però, una ben calibrata azione stragiudiziale (atto di diffida e messa in mora) può rivelarsi efficace per ottenere un congruo risarcimento.

 

Danno da vacanze rovinate: rivolgiti a noi!

Per avvalerti del nostro supporto, inviaci un messaggio attraverso il nostro form di contatto o all’email rimborsoaereo@unionedeiconsumatori.it. e sarai ricontattato da un nostro consulente in breve tempo.

Vota questo contenuto
[Totale: 1 Average: 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi