Differenza tra rimborso e compensazione pecuniaria

Se ti trovi qui, probabilmente hai subìto un disagio e vuoi far valere i tuoi diritti di passeggero.

Compensazione pecuniaria o rimborso? Che differenza c’è tra i due termini.

Sappi che, a seconda dei casi, hai diritto di ottenere un rimborso e/o una compensazione pecuniaria (risarcimento economico).

I termini però vengono spesso confusi.

Chiariamo quindi la differenza tra rimborso e compensazione pecuniaria / risarcimento.

 

Il rimborso

Premesso che il termine rimborso si riferisce al costo del biglietto e ai disagi inerenti i bagagli, vediamo nel dettaglio quali sono i casi.

Il rimborso del prezzo del biglietto è previsto quando, per colpa della Compagnia aerea, non ti sei potuto imbarcare sul volo che avevi prenotato regolarmente.

Poiché il diritto al rimborso è previsto se non sei salito fisicamente sull’aereo, ti spetta nei casi di:

  • cancellazione
  • ritardo superiore a 5 ore (se tu rinunci al volo)
  • overbooking / imbarco negato
  • sistemazione in classe inferiore (il rimborso è di una percentuale del biglietto, calcolato in base alla tratta e alla distanza del volo)
  • rinuncia al volo per cause di forza maggiore.

Per quanto riguarda quest’ultimo caso, la normativa prevede che se sei costretto rinunciare al volo, per i cosiddetti “fatti sopraggiunti, non imputabili”, hai il diritto di ricevere un rimborso Ryanair anche nel caso in cui tu non abbia previsto un’assicurazione che copre le penali di annullamento del volo.

I fatti sopraggiunti e non imputabili, che ti impediscono la partenza, possono essere:

  • un’improvvisa malattia;
  • un incidente;
  • il lutto di un congiunto;
  • un qualsiasi evento grave avvenuto in seguito alla prenotazione del viaggio.

Per richiedere il rimborso, dovrai farci pervenire un certificato medico, una denuncia di sinistro o un certificato di decesso.

Infine, nei casi di danneggiamento, smarrimento o ritardata consegna del bagaglio, hai diritto al rimborso delle spese che hai dovuto sostenere in mancanza dei tuoi effetti personali.

 

La compensazione pecuniaria

La compensazione pecuniaria (definita anche risarcimento o indennizzo), invece, non è mai relativa al prezzo del biglietto ed è un ristoro economico a cui hai diritto per i disagi subìti.

Questa ti è dovuta dalla Compagnia, in quanto unica responsabile di ciò che si è verificato.

La compensazione pecuniaria è prevista per cancellazione, ritardo pari o superiore a 3 ore e overbooking (negato imbarco) e ammonta a:

  • 250,00 euro, per tratte intracomunitarie e distanze pari o inferiori a 1500 km;
  • 400,00 euro, per tratte intracomunitarie e distanze superiori a 1500 km;
  • 250,00 euro, per tratte extracomunitarie e distanze pari o inferiori a 1500 km;
  • 400,00 euro, per tratte extracomunitarie e distanze comprese tra 1500 km e 3500 km;
  • 600,00 euro, per tratte extracomunitarie e distanze superiori a 3500 km.

Eccezioni a tale regola sono la cancellazione del volo per circostanze eccezionali o per avviso da parte della Compagnia nei tempi previsti dalla legge.

Vota questo contenuto
[Totale: 0 Average: 0]

Lascia un commento